7 comuni problemi di salute del gatto a pelo corto orientale da sapere!

  Gatto domestico - pelo corto orientale



Il pelo corto orientale è un gatto ibrido siamese sviluppato in Inghilterra nel 20° secolo. Piace Gatti siamesi , gli Oriental Shorthair sviluppano un forte attaccamento ai loro compagni umani.

Anche gli Oriental Shorthair hanno problemi di salute genetica simili a quelli dei siamesi. Ecco sette comuni problemi di salute del gatto Oriental Shorthair.





I 7 problemi più comuni di salute del gatto a pelo corto orientale:

1. Amiloidosi

L'amiloidosi è una malattia che si verifica quando un tipo di proteina, un'amiloide, si deposita negli organi interni. Questa malattia è comune tra i gatti siamesi, così come gli Oriental Shorthairs. Alcuni ceppi familiari di gatti siamesi sono predisposti, ma non esiste un chiaro profilo genetico nei gatti colpiti. I reni e il fegato sono gli organi più comunemente colpiti.

Segni e sintomi:
  • Perdita di appetito
  • Letargia
  • Aumento del consumo di alcol e della minzione
  • Perdita di peso
  • Vomito
  • Diarrea
  gatto grigio orientale a pelo corto

Credito immagine: TaliaPhoto, Shutterstock




Due. Asma

L'asma è una malattia comune nei gatti come specie, così come siamesi e Oriental Shorthairs. Questa malattia colpisce le vie aeree inferiori dei polmoni nell'1-5% dei gatti. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che l'asma sia una reazione allergica agli allergeni inalati, che attivano il sistema immunitario del gatto. Di conseguenza, le vie aeree si irritano, si gonfiano e limitano la respirazione.

pitbull blue nose
Segni e sintomi:
  • Respirazione difficoltosa
  • Sibilo
  • Respiro rapido
  • Tosse
  • Respirazione a bocca aperta
  • Vomito

3. Difetto cardiaco congenito

I difetti cardiaci congeniti sono più comuni nei gatti siamesi e orientali a pelo corto. Ciò può includere un difetto nel cuore durante lo sviluppo o una malattia genetica nella funzione del cuore. Questi possono includere soffi cardiaci o, in particolare, con i gatti siamesi, il dotto arterioso pervio (PDA). Il dotto arterioso allontana il sangue dai polmoni durante lo sviluppo prenatale, quindi si chiude alla nascita. Con il difetto, il dotto arterioso non si chiude e il sangue scorre al torace, all'addome e agli arti posteriori. I gatti siamesi possono anche sviluppare cardiomiopatia dilatativa, ovvero quando il muscolo cardiaco si assottiglia e si indebolisce man mano che il cuore si allarga.

Segni e sintomi:
  • Scarso appetito
  • Letargia
  • Perdita di peso
  • Aumento della frequenza respiratoria
  • Crollo
  • Paralisi improvvisa della zampa posteriore
  • Crescita stentata
  gatto a pelo corto orientale nel letto a baldacchino

Credito immagine: Anna Pozzi Zoophotos, Shutterstock


Quattro. Sindrome da iperestesia

La sindrome da iperestesia è un oscuro disturbo del gatto che induce i gatti a mordersi o leccarsi la schiena, la coda e gli arti pelvici. I sistemi nervoso e neuromuscolare, insieme alla pelle, sono colpiti. Mentre questo può svilupparsi in qualsiasi razza di gatto, siamesi e altri purosangue sono predisposti.

Segni e sintomi:
  • Pelle che si contrae
  • Fruscio della coda
  • Mordere e leccare ripetutamente
  • Pupille dilatate
  • Agitazione
  • Comportamento irregolare

5. Linfoma

Il linfoma è un tumore delle cellule del sistema immunitario. Poiché il linfoma è associato alla leucemia felina, i gatti possono essere vaccinati per ridurre il rischio di questo tipo di cancro. Tuttavia, è ancora una diagnosi di cancro comune nei gatti.

razze pitbull
Segni e sintomi:
  • Perdita di peso
  • Vomito
  • Diarrea
  • L'appetito cambia
  • Difficoltà respiratorie
  • Aumento della sete
  gatto a pelo corto orientale

Credito immagine: Ambiente, Shutterstock


6. Atrofia retinica progressiva

L'atrofia progressiva della retina è una condizione di salute comune nei gatti e si riferisce a un gruppo di malattie degenerative che colpiscono le cellule dei fotorecettori degli occhi. Nel tempo, queste cellule si deteriorano, portando alla cecità nel gatto.

Segni e sintomi:
  • Nervosismo di notte
  • Riluttanza a stare nell'oscurità
  • Sbattere contro oggetti in condizioni di scarsa illuminazione
  • Occhi altamente riflettenti
  • Pupille dilatate

7. Megaesofago

Il megaesofago è una condizione che colpisce l'esofago, il tubo che trasporta il cibo dalla bocca allo stomaco attraverso le contrazioni. Con il megaesofago, l'esofago è ingrandito e non sposta correttamente il cibo. I gatti possono avere difficoltà a mangiare correttamente, soffrendo di malnutrizione. I gatti possono anche inalare il cibo, causando polmonite da aspirazione.

Segni e sintomi:
  • Gorgoglio durante la deglutizione
  • Eccessiva salivazione
  • Rigonfiamento visibile dell'esofago
  • Tosse e conati di vomito mentre si mangia
  • Alitosi
  • Debolezza muscolare
  • Con polmonite da aspirazione, respiro accelerato, febbre, rumori polmonari
  gatto a pelo corto orientale che dorme

Credito immagine: TaniaVdB, Pixabay

nomi cani disney

Altre condizioni di salute nei gatti orientali a pelo corto

Le condizioni sopra elencate sono più comuni nei gatti Oriental Shorthair e Siamesi, ma colpiscono ancora solo un piccolo numero di cani. Insieme alle malattie in questo elenco, i gatti Oriental Shorthair possono sviluppare altre condizioni di salute comuni in qualsiasi razza di gatto. Il cancro, il diabete e il virus dell'immunodeficienza felina (FIV) sono tutti comuni nei gatti e possono essere gravi o fatali. I gatti Oriental Shorthair possono anche sviluppare infestazioni da pulci, zecche o parassiti, che possono essere prevenute con i farmaci. Il modo migliore per mantenere sano il tuo Oriental Shorthair è con esami regolari, vaccinazioni e prevenzione dei parassiti dal tuo veterinario.

  gatto a pelo corto orientale all'aperto

Credito immagine: TaniaVdB, Pixabay

Conclusione

Gli Oriental Shorthair sono gatti stravaganti e adorabili con personalità accomodanti. Poiché provengono dalla razza siamese, sono soggetti a molte delle stesse condizioni di salute genetica. Fortunatamente, molte di queste condizioni possono essere gestite o prevenute con regolari cure veterinarie.

+ Fonti