Ci sono gatti selvatici in Scozia? Cosa sapere!

  Gatto selvatico scozzese



Nel 2019 sono state oltre 150 milioni le persone visitate Scozia . Le persone vengono per l'architettura, la storia e il mostro di Loch Ness (beh, forse). E presto ci sarà qualcosa di un po' diverso che si unisce a Nessie nella leggenda: il Tigre delle Highland, conosciuta anche come il gatto selvatico scozzese . Quindi, la risposta breve a se ci sono gatti selvatici in Scozia è sì. Ma è una risposta semplicistica perché presto il gatto selvatico scozzese potrebbe non esistere più.

È considerato 'in pericolo critico', ma ogni speranza non è persa. Ci sono passaggi in atto per cercare di salvare questo bellissimo animale. Continua a leggere per scoprire cosa distingue il gatto selvatico dal gatto domestico e come il suo numero si è forse ridotto a centinaia.





Cos'è un gatto selvatico scozzese?

Non sono da confondere con il gatto domestico , anche se ora è più difficile distinguere un vero gatto selvatico da un gatto domestico. Studi sulla genetica della popolazione hanno dimostrato che i gatti selvatici si riproducono con i gatti domestici, creando un ibrido gatto-domestico geneticamente diluito.

Un vero gatto selvatico è più grande, più tozzo e più robusto, con gambe più lunghe e orecchie che sporgono ai lati di una testa più grande e piatta. Hanno una coda folta, dalla punta nera con strisce spesse. Le strisce spesse che compaiono sul corpo sono anche più scure e più spesse e non hanno le macchie bianche che generalmente si vedono sui gatti domestici.



Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Woodland Trust (@woodlandtrust)

Il dibattito sulla classificazione

Se il tuo gatto è nelle vicinanze, guardalo, forse sta facendo un pisolino sul divano accanto a te o sta spingendo un bicchiere dal tavolino. Il test del DNA dimostrerebbe che è una sottospecie di gatto selvatico , uno ha chiamato Gatto .

Si ritiene che il gatto domestico sia emerso circa 9.000-10.000 anni fa e discendesse dal Puma Libia o il gatto selvatico africano, che si trova in tutta l'Africa e nella penisola arabica. Più fuori troverai il Puma ornato che è anche conosciuto come il gatto selvatico asiatico, che si trova in Asia centrale e nell'India occidentale.

Questo ci porta al gatto selvatico europeo, Puma legnoso che ha un mantello più spesso e voluminoso rispetto ai suoi familiari asiatici e africani. Alcuni esperti di mammiferi ritengono che il gatto selvatico scozzese sia una popolazione isolata del gatto selvatico europeo, mentre altri credono che siano la loro stessa sottospecie di gatto selvatico, il gatto selvatico Puma grande .

blu merle

Perché è importante?

È importante perché un gatto che potenzialmente si è evoluto da una popolazione di gatti selvatici europei oltre 9.000 anni fa potrebbe non esistere più.

I gatti selvatici erano una volta diffusi in tutta la Gran Bretagna continentale; tuttavia, ora si stima che siano rimasti solo 100-300 gatti selvatici scozzesi. Fin dal medioevo, il gatto selvatico è stato cacciato per sport e ucciso perché ritenuto 'parassiti'.

Una volta venivano regolarmente uccisi o intrappolati, con alcuni esemplari di tassidermia che diventavano tragicamente nei salotti vittoriani. Grazie a questa persecuzione e allo sgombero dei boschi, Inghilterra, Galles e Scozia meridionale persero le loro popolazioni di gatti selvatici nel 19° secolo.

Esistono ora, in piccole popolazioni isolate nel nord della Scozia, ma devono ancora affrontare un vasto numero di minacce. Dall'urbanizzazione come la perdita della casa, incidenti stradali o morte accidentale attraverso il controllo dei predatori, all'ibridazione. Questa introgressione genetica è la loro più grande minaccia oggi, dove il pool genetico del gatto selvatico è sostituito da quello del gatto domestico.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da British Wildlife Center (@britishwildlifecentre)

Quanto sono grandi i gatti selvatici scozzesi?

È difficile rispondere grazie all'ibridazione. Tuttavia, è possibile che il vero gatto selvatico sia più grande del 100% rispetto al gatto domestico. Le cifre che abbiamo sono che la dimensione media della testa e del corpo di un maschio ora è di 59 centimetri mentre la femmina media si siede a 54 centimetri. La lunghezza della coda può variare da 26 a 33 centimetri e in media i maschi adulti pesano oltre 5 chilogrammi con la femmina che arriva a 4 chilogrammi e i gattini che pesano circa 100-160 grammi.

Cosa mangiano i gatti selvatici scozzesi?

Il paesaggio scozzese offre ai gatti selvatici una varietà di habitat che include foreste, terreni aperti e aree lungo i fiumi, solo per citarne alcuni. Questi habitat offrono abbondanti opzioni di prede come i roditori. Coloro che vivono principalmente sulla costa orientale della Scozia cenare sui conigli , che possono costituire il 70% della loro dieta.

Laddove il coniglio è meno comune nell'ovest della Scozia, i gatti selvatici mangeranno invece topi e arvicole. Sono stati conosciuti per mangiare uccelli, anfibi, rettili, pesci e persino insetti. In casi molto rari sono stati anche conosciuti per abbattere il cervo fulvo, il che può mettere in prospettiva quanto siano grandi i veri gatti selvatici.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Mammal Society (@mammasociety)

incrocio tra corso e pitbull

Quando di solito i gatti selvatici hanno bambini?

I gatti selvatici scozzesi sono solitari, che cambiano durante la stagione degli amori intorno a gennaio-marzo, dove il maschio cercherà le femmine. Dopo un periodo di gestazione di circa due mesi e mezzo, la femmina può produrre una cucciolata da uno a otto cuccioli.

Il gattino selvatico starà con la madre per circa sei mesi, dopodiché partiranno per stabilire i propri territori. I maschi raggiungono la maturità sessuale intorno ai 9 mesi e le femmine intorno ai 12 mesi.

Salvare il gatto selvatico scozzese

Ci sono sforzi in atto per salvare il gatto selvatico scozzese. Saving Wildcats (#SWAforLife) è un progetto di partenariato europeo dedicato alla conservazione e al recupero del gatto selvatico scozzese e il loro piano è:

1. Istituire un centro 'Allevamento per il rilascio'.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da National Trust for Scotland (@nationaltrustforscotland)

Questo sarà il primo centro di 'allevamento per il rilascio' dedicato alla conservazione su larga scala della Gran Bretagna. Si trova nell'Highland Wildlife Park della Royal Zoological Society of Scotland nel Parco nazionale di Cairngorms. Il centro riunirà esperti per sviluppare le abilità necessarie per la vita dei gatti selvatici per prosperare in natura.


Due. Fai crescere la popolazione di gatti selvatici

A seguito di un programma di formazione pre-rilascio, con cui hanno lavorato gli esperti di gatti selvatici e un'unità veterinaria dedicata in questo centro, 20 gatti selvatici verranno rilasciati in natura ogni anno. Avranno un collare GPS per tracciare e registrare i loro movimenti e comportamenti.


3. Eliminare le minacce

Visualizza questo post su Instagram

cane simile al pitbull

Un post condiviso da British Wildlife Center (@britishwildlifecentre)

Per cominciare, i gatti selvatici saranno potenzialmente liberati all'interno del Parco Nazionale di Cairngorm. In seguito, nelle Highlands verranno creati spazi sicuri per le reintroduzioni di gatti selvatici. Il piano a lungo termine consiste nell'estendere questi spazi sicuri in altre località della Scozia e, infine, in altre località del Regno Unito.


Quattro. Lavora con le comunità locali

L'istruzione e la comunicazione con le comunità locali sono fondamentali per sostenere l'esistenza del gatto selvatico scozzese. Si tratta di cambiare la loro percezione di parassiti e capire come i gatti selvatici possono aumentare le economie attraverso il turismo della fauna selvatica.

Conclusione

Sebbene ci siano gatti selvatici scozzesi in Scozia, sono elusivi quasi quanto Nessie. Realisticamente, la risposta alla domanda se ci sono gatti selvatici in Scozia potrebbe cambiare presto, motivo per cui gli sforzi messi in atto per salvarli sono così critici.

Attraverso l'istruzione, la rimozione delle minacce e la reintroduzione di 20 gatti selvatici all'anno in luoghi tranquilli e isolati, le famiglie di gatti selvatici in tutta la Scozia dovrebbero prosperare. I turisti potranno quindi aggiungere la tigre delle Highlands alle loro liste 'da non perdere' insieme agli edifici storici e ai laghi per cui la Scozia è così famosa.

+ Fonti