Quanto tempo impiegherà un gatto a digerire il cibo? Cosa sapere!

  gatto che si lecca la bocca dopo aver mangiato



Il tuo gattino si sta precipitando nella lettiera pochi minuti dopo aver mangiato? O stanno vomitando le crocchette subito dopo i pasti? Se è così, potresti essere preoccupato e forse dovresti esserlo. Potrebbe essere che il tuo gattino abbia solo a che fare con un mal di pancia. Abbiamo sempre mal di stomaco e lo stesso può succedere anche ai nostri animali domestici. Potrebbe anche essere che il tuo gattino stia lottando con un problema digestivo come un blocco intestinale che richiederà cure mediche il prima possibile.

Non sai mai veramente qual è il problema a meno che non porti il ​​tuo gatto dal veterinario o ti prendi il tempo per educarti sul tratto digestivo felino. In generale, l'intero processo digestivo non dovrebbe richiedere più di 20 ore. Questa regola non si applica se il tuo gatto è malato o se ha problemi di digestione, però.





incrocio yorkshire e maltese

Continua a leggere per imparare tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sulla salute dell'apparato digerente del tuo gatto.



Quanto tempo impiegano i gatti a digerire il cibo?

Il processo digestivo umano richiede dalle sette alle otto ore, ma per i gatti è un processo più lungo. In genere occorrono dalle 10 alle 20 ore perché il cibo si muova attraverso il tratto digestivo del tuo gatto, anche se alcune stime suggeriscono che potrebbero volerci fino a 24 ore.

Il processo digestivo felino

  gatto grasso nebelung che mangia all'aperto

Credito immagine: Alesia Fes, Shutterstock

Il processo digestivo felino è più o meno uguale al nostro.

I loro denti digrignano il cibo che stanno mangiando. I loro denti aguzzi tagliano e lacerano il cibo e non perdono molto tempo a masticare il cibo. I loro denti posteriori fanno la maggior parte della masticazione e spesso non fanno un ottimo lavoro. Il cibo che mangiano arriva nello stomaco in pezzi più grandi che possono quindi influire sulla loro funzione digestiva. Mentre masticano, il cibo si mescola con la saliva in bocca. Usano la lingua per spostare il cibo nell'esofago, dove continua a scomporsi fino a raggiungere lo stomaco.

L'acido dello stomaco inizia a scomporre il cibo e uccide tutti i batteri nocivi. Il cibo viaggia quindi nell'intestino tenue, dove gli enzimi continueranno a scomporre il cibo e ad assorbire da esso i nutrienti di cui il tuo gatto ha bisogno. Questi nutrienti vengono trasportati alle cellule del corpo attraverso il flusso sanguigno.

Tutto ciò che l'intestino tenue non si scompone diventa un rifiuto. Viaggia nell'intestino crasso, dove i rifiuti verranno convertiti in feci.

blue merle

Segni di problemi digestivi nei gatti

Se il tuo gattino mostra qualsiasi tipo di problema gastrointestinale o digestivo, vale la pena visitare il veterinario. I loro problemi potrebbero essere indicativi di un problema lieve o potrebbe essere qualcosa di più serio.

Alcuni dei problemi digestivi più comuni nei gatti includono:
  • parassiti
  • palle di pelo
  • Malattia infiammatoria intestinale
  • Stipsi
  • blocchi
  • Allergie alimentari
Alcuni dei sintomi a cui prestare attenzione includono:
  • Letargia
  • Vomito
  • Diarrea
  • Stipsi
  • Dolore addominale
  • Gonfiore
  • Anoressia
  • Cambiamento di comportamento
  • Alitosi
  • palle di pelo
  • Perdita di peso
  • Mantello asciutto o fragile

Come mantenere sano l'apparato digerente del tuo gatto

  gatto che mangia uova sode e broccoli

Credito immagine: Anastasia Tsiasemnikava, Shutterstock

Ci sono diverse cose che puoi fare come proprietario se il tuo gatto ha problemi di digestione o se vuoi assicurarti che il tuo gattino abbia un sistema digestivo ben funzionante.

Il sistema digerente felino può essere molto sensibile, quindi è importante affrontare qualsiasi tipo di cambiamento di dieta con cautela e pazienza. Un periodo di transizione è necessario ogni volta che vuoi cambiare il cibo del tuo gatto.

Il loro sistema digestivo è progettato per pasti più piccoli nutrito più frequentemente durante il giorno. I gatti alimentati gratuitamente spesso visitano la loro ciotola più volte al giorno e mangiano solo quello che vogliono ad ogni visita. L'alimentazione gratuita può essere un pendio scivoloso, tuttavia, in quanto può portare all'obesità se al tuo gatto piace assicurarsi che la sua ciotola sia sempre vuota.

Il cibo del tuo gatto deve fornire diversi nutrienti essenziali per supportare il suo sensibile sistema digestivo. I gatti sono carnivori obbligati, quindi le proteine ​​sono uno dei nutrienti più essenziali per nutrirli. Può diventare un problema se somministrato in quantità elevate in quanto non è facilmente digeribile. Fibre e prebiotici possono aiutare il tuo gattino ad assorbire i nutrienti di cui il suo corpo ha bisogno dal cibo. Diete ricche di fibre può prevenire boli di pelo e costipazione. Fonti di carboidrati altamente digeribili, come quelle del riso, possono aiutare i gatti con problemi digestivi.

La salute orale del tuo gatto può avere un impatto sul suo sistema digestivo. Se la loro salute orale viene trascurata, la loro bocca può diventare un terreno fertile per i batteri. Fortunatamente, la maggior parte dei batteri che risiedono nella bocca non sopravvive nel tratto digestivo del tuo gatto, ma questo non è vero per tutti i batteri. Alcuni tipi che si trovano in bocca possono causare infiammazione cronica e persino IBD se i batteri si fanno strada nell'intestino del tuo gatto.

cani col morso piu forte

Pensieri finali

L'intero processo digestivo richiederà tra le 10 e le 24 ore in un gatto sano. Se noti che il tuo gattino sembra eliminare il cibo (caccando) ben prima di quelle 10 ore o se vomita dopo i pasti, potrebbe essere il momento di visitare il veterinario. Alcune condizioni di salute possono causare problemi digestivi, quindi è meglio consultare i professionisti anche se solo per la massima tranquillità.

Puoi sostenere la salute dell'apparato digerente del tuo gatto nutrendolo con un cibo per gatti di alta qualità e tenendo d'occhio come il suo corpo risponde a questo cibo.

+ Fonti